Copyright © Hellas Live di Alberto Fabbri

Targa o intitolazione di un settore dello stadio Bentegodi in memoria di Mascetti

Lo scorso 7 aprile, dopo una malattia, è venuto a mancare il calciatore Emiliano "Ciccio" Mascetti «bandiera dell'Hellas Verona, con cui ha giocato undici stagioni e centrato anche il record di reti segnate in Serie A (35), superato solo da Luca Toni nel 2015» scrive la ‘Gazzetta dello Sport'. Il consigliere Andrea Bacciga, prendendo spunto dall'accorato appello di un tifoso, la cui lettera è stata pubblicata domenica 10 aprile sul quotidiano "L'Arena", e avendo ricevuto in merito molte simili richieste da parte dei veronesi che lo hanno contattato, ha depositato una formale richiesta «al presidente della Commissione toponomastica, assessore Stefano Bianchini, e alla Commissione
toponomastica di approvare l'apposizione di una targa in una piazza di Verona o l'intitolazione di un settore dello Stadio Bentegodi in memoria di Emiliano Mascetti». Questa la lettera apparsa sul quotidiano "L'Arena", firmata dal veronese Michele Marai: «In questi giorni si dibatte su L'Arena dell'opportunità di ritirare la maglia numero 8 dell'Hellas, come tributo all'indimenticabile Ciccio Mascetti. Da tifoso e «storico» del Verona, mi trovo in perfetto accordo con Gianluca Tavellin nel bocciare la proposta e aggiungo qualche personale osservazione. Prima di tutto ritirare la maglia, usanza peraltro recentissima nel calcio europeo e importata da oltreoceano, dove la cultura sportiva è diversa dalla nostra, è un gesto che andrebbe fatto contemporaneamente al ritiro del giocatore. Naturalmente ciò era impossibile negli anni in cui i numeri andavano dall'1 all'11, ma pensiamo alle conseguenze. La 8 di Mascetti è diventata poi la
maglia preferita di Volpati. La indossava Sacchetti quando mise sotto la traversa quel prodigio balistico a Belgrado. E via via fino al nostro Lazovic. Quando ritireremo la 7 di Fanna, ci dimenticheremo che il primo numero 7 del Verona in serie A è stato un certo Bagnoli? Che nel mezzo c'è stato Bergamaschi e il suo tunnel di quel 20 maggio '73? Ritireremo la 9 di Galderisi o quella di Toni? E soprattutto la 11 di Zigoni, o quella di Elkjaer? Ma c'è un'altra considerazione più filosofica, che dalla continuità con il passato guarda a quella con il presente e soprattutto il futuro. La 8 di Ciccio è un simbolo, un simbolo che va onorato, un'assunzione di tremenda responsabilità, è una necessità, per chi la indossi, di essere all'altezza di una leggenda. Se porti la maglia di Mascetti, devi sempre esserne degno. E a un bocia che sogna un giorno di indossarla, quel sogno non lo dobbiamo togliere, lo dobbiamo alimentare. Ciccio Mascetti va onorato, come va onorato Roberto Puliero e un pugno di altri grandissimi, con 'intitolazione di una tribuna, di un centro sportivo, con una stanza dedicata in un futuro museo. La sua maglia al contrario deve restare in campo. Per sempre voleremo in alto”.

Contenuto offerto da :




Commenta la notizia

Prima di commentare, dai un'occhiata al regolamento cliccando qui.